SCHIMMENTI ADRIANO
Schimmenti Adriano foto
Qualifica
Professore Associato
Orario di ricevimento
Martedì ore 10
Settore Scientifico Disciplinare
M-PSI/07 - Psicologia Dinamica
Settore Concorsuale
11/E4
Note biografiche
PhD (DClinPsych), -
Curriculum accademico
Dopo essersi laureato con 110 e lode in Psicologia clinica e di comunità presso l?Università di Palermo ed essersi abilitato alla professione di psicologo, ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in Psicologia clinica e delle relazioni interpersonali presso l?Università di Torino. Durante gli anni del dottorato ha approfondito gli effetti dell?abuso e del maltrattamento infantile sulla genesi della psicopatologia, collaborando anche alle attività di gruppi di ricerca internazionali, tra cui il Centre for Abuse and Trauma Studies. Nello stesso periodo, ha partecipato ai corsi ufficiali di formazione per l'utilizzo degli strumenti Adult Attachment Interview (AAI), Childhood Experience of Care and Abuse (CECA), Attachment Style Interview (ASI) e Psychopathy Checklist-Revised (PCL-R), dei quali oggi è somministratore e codificatore abilitato; in seguito, è divenuto formatore italiano degli strumenti CECA, ASI e PCL-R. Nel 2009 ha ricevuto incarichi di professore a contratto presso l?UKE-Università degli Studi di Enna ?Kore? e, successivamente, nell?aprile 2010, è stato immesso in ruolo come ricercatore a t.d. con funzioni di assistant professor presso la stessa sede, dove è stato docente di diversi insegnamenti di area dinamico-clinica ed evolutiva. Da maggio 2014 è professore associato di Psicologia Dinamica presso l?UKE.
Aree di interesse scientifico
I suoi interessi di ricerca riguardano prevalentemente gli effetti psicopatologici del maltrattamento e dell'abuso infantile (con particolare attenzione ai fenomeni della disregolazione affettiva e della dissociazione), gli aspetti concettuali e le applicazioni cliniche della teoria dell?attaccamento e delle teorie psicoanalitiche contemporanee, le dipendenze patologiche, la diagnosi differenziale dei disturbi di personalità, le matrici evolutive dei comportamenti violenti e antisociali, la psicometria clinica e i criteri epistemologici che informano la conoscenza in ambito psicologico. Ha pubblicato numerosi contributi scientifici sui suoi argomenti di studio e ricerca. Su tali argomenti, inoltre, è stato invitato a effettuare seminari di dottorato presso diverse Università, docenze presso Master universitari di I e II livello e scuole di specializzazione in psicoterapia, e relazioni in numerosi congressi nazionali e internazionali.
Ha relazioni di collaborazione scientifica con diversi gruppi di ricerca internazionali. E? visiting research fellow presso la Middlesex University di Londra, e ha svolto incarichi di ricerca e di coordinamento all?interno di progetti finanziati a livello nazionale ed europeo (ad esempio, è stato coordinatore scientifico dell?unità italiana all?interno del Progetto UE ?Understanding the process of online grooming: the behaviours of men who target young people on-line? volto ad analizzare il comportamento degli adescatori di minori in Internet; è stato ricercatore all?interno del Progetto ?S.O.Cr.A.Te.S.?-Criminological Support for Field Investigation and Special Units sviluppato dall?Arma dei Carabinieri, Ministero della Difesa, Repubblica Italiana; è attualmente responsabile scientifico dell?Unità italiana per il Progetto UE ?Developing research informed good practice policing and industry collaborative models in preventing online child abuse and profiling child victims?).
E? condirettore della collana di ?Psicotraumatologia? (Giovanni Fioriti Editore), membro del comitato scientifico delle riviste ?Clinical Neuropsychiatry?, ?Psichiatria e Psicoterapia?,?International Journal of Criminology and Sociology?, ?Criminal Psychology and Criminal Investigations International Journal?. Svolge inoltre attività di referee ad hoc per diverse riviste scientifiche e collane di libri nazionali e internazionali di area psicologica e psichiatrica.
Pubblicazioni principali
Si indicano di seguito alcune tra le pubblicazioni scientifiche più significative prodotte negli ultimi tre anni:
o Schimmenti, A., Passanisi, A., Pace, U., Manzella, S., Di Carlo, G., & Caretti, V. (2014). The Relationship Between Attachment and Psychopathy: A Study with a Sample of Violent Offenders. Current Psychology. DOI: 10.1007/s12144-014-9211-z
o Schimmenti, A., Caprì, C., La Barbera, D., & Caretti, V. (2014). Mafia and psychopathy. Criminal Behaviour and Mental Health. DOI: 10.1002/cbm.1902.
o Bifulco, A., Schimmenti, A., Jacobs, C., Bunn, A., & Rusu, A. C. (2014). Risk factors and psychological outcomes of bullying victimization: A community-based study. Child Indicators Research. DOI: 10.1007/s12187-014-9236-8.
o Schimmenti, A. (2014). Il trauma evolutivo e la ricerca dell?intimità: una prospettiva relazionale. Ricerca Psicoanalitica, 5(1), 31-53 (DOI: 10.3280/RPR2014-001004).
o Granieri, A., & Schimmenti, A. (2014). Mind-body splitting and eating disorders: A psychoanalytic perspective. Psychoanalytic Psychotherapy, 28(1), 52-70. (DOI: 10.1080/02668734.2013.872172.)
o Guzzo, G., Lo Cascio, V., Pace, U., Craparo, G., & Schimmenti, A. (2014). Bullying victimization, post-traumatic symptoms, and the mediating role of alexithymia. Child Indicators Research, 7(1), 141-153 (DOI: 10.1007/s12187-013-9206-6).
o Caretti, V., Craparo, G., & Schimmenti, A. (2013), (a cura di). Memorie traumatiche e mentalizzazione. Teoria, ricerca e clinica. Roma: Astrolabio.
o Schimmenti, A., & Bifulco, A. (2013). Linking lack of care in childhood to anxiety disorders in emerging adulthood: the role of attachment styles. Child and Adolescent Mental Health. DOI: 10.1111/camh.12051.
o Schimmenti, A., Passanisi, A., Gervasi, A. M., Manzella, S., & Famà, F. I. (2013). Insecure attachment attitudes in the onset of Problematic Internet Use among late adolescents. Child Psychiatry & Human Development. DOI: 10.1007/s10578-013-0428-0.
o Craparo, G., Schimmenti, A., & Caretti, V. (2013). Traumatic experiences in childhood and psychopathy: a study on a sample of violent offenders from Italy. European Journal of Psychotraumatology: 21471 (DOI: 10.3402/ejpt.v4i0.21471)
o Scimeca, G., Bruno, A., Pandolfo, G., Micò, U., Romeo, V.M., Abenavoli, E., Schimmenti, A., Zoccali R., & Muscatello, M.R. (2013). Alexithymia, negative emotions, and sexual behavior in heterosexual university students from Italy. Archives of Sexual Behavior, 42(1), 117-127. (DOI: 10.1007/s10508-012-0006-8).
o Franzoni, E., Gualandi, S., Caretti, V., Schimmenti, A., Di Pietro, E., Pellegrini, G., Craparo, G., Franchi, A., Verrotti, A., & Pellicciari, A. (2013). The relationship between alexithymia, shame, trauma, and body image disorders: investigation over a large clinical sample. Neuropsychiatric Disease and Treatment, 9(1), 185-193 (DOI: 10.2147/NDT.S34822)
o Schimmenti, A., Guglielmucci, F., Barbasio, C., & Granieri, A. (2012). Attachment disorganization and dissociation in virtual worlds: a study on problematic Internet use among players of online role-playing games. Clinical Neuropsychiatry, 9(5), 195-202.
o Caretti, V., & Schimmenti, A. (2012). ?Prefazione all?edizione italiana?. In N. McWilliams (2010), La diagnosi psicoanalitica. Nuova edizione (pp.7-12). Trad. it. Roma: Astrolabio.
o Pace, U., Cacioppo, M., & Schimmenti, A. (2012). The moderating role of father?s care on the onset of binge eating symptoms among female late adolescents with insecure attachment. Child Psychiatry and Human Development, 43(2), 282-292 (DOI: 10.1007/s10578-011-0269-7).
o Schimmenti, A., & Pace, U. (2012). ?When hell is for children: The relationship between neglect and other childhood adversities in an Italian sample?. In Y. Spiteri & E.M. Galea (a cura di), Psychology of Neglect (pp.47-64). Hauppauge, NY: Nova Publishers.
o Caretti, V., Ciulla, S., & Schimmenti, A. (2012). La diagnosi differenziale nella valutazione della psicopatia e del comportamento violento. Rivista Sperimentale di Freniatria, 136(1), 139-157 (DOI: 10.3280/RSF2012-001009).
o Schimmenti, A. (2012). Unveiling the hidden self: developmental trauma and pathological shame. Psychodynamic Practice, 18(2), 181-194 (DOI: 10.1080/14753634.2012.664872).